La compassione e la passione. Storie quasi zen



Due candidati monaci  si presentano all'eremo con l'intenzione di
iniziare la vita monastica.
Il maestro chiama una donna bella e disse:
"spogliati figliola" i due neo discepoli erano smarriti.
Allora il maestro chiese al primo:
"cosa pensi e senti davanti a questa donna nuda?"
Rispose: "Non sento nulla, la vedo volgare"
Poi si rivolse al secondo: "E tu cosa dici?"
Rispose: "Io sento il mio pene durissimo ed è
una donna bellissima". Allora disse il maestro al secondo discepoli: "
Tu sei pronto per entrare nell'eremo
hai passioni vive, sai vedere la natura con naturalezza,
il tuo corpo funziona bene, è potrai lottare con gli istinti e trovare
l'equilibrio"... e poi disse al primo:
"Tu non sei pronto, visto che non senti nulla, ti consiglio di andare
da un dottore, il tuo corpo non funziona bene, non puoi trovare
l'equilibrio con un corpo ormai squilibrato e poi la natura non è mai
volgare".

Altra storiella

In Cina c'era una vecchia che da oltre venti anni manteneva un monaco.
Gli aveva costruito una piccola capanna e gli dava da mangiare mentre
lui meditava. Un bel giorno si domandò quali progressi egli avesse
fatti in tutto quel tempo.
Per scoprirlo, si fece aiutare da una ragazza piena di desiderio. «Va'
da lui e abbraccialo,» le disse «e poi domandagli di punto in bianco:
"E adesso?"».
La ragazza andò dal monaco e senza tante storie cominciò ad
accarezzarlo, domandandogli che cosa si proponesse di fare con lei.
«Un vecchio albero cresce su una roccia fredda nel cuore dell'inverno»
rispose il monaco non senza un certo lirismo. «Non c'è più calore in
nessun luogo».
La ragazza andò a riferire alla vecchia quel che lui le aveva detto.
«E pensare che ho mantenuto quell'individuo per vent'anni» proruppe la
vecchia indignata. «Non ha dimostrato la minima considerazione per i
tuoi bisogni, non si è nemmeno provato a capire la tua situazione. Non
era necessario che rispondesse alla passione, ma avrebbe dovuto almeno
dimostrare una certa pietà».
Andò senza indugio alla capanna del monaco vi appiccò il fuoco e la distrusse.

Nessun commento:

Posta un commento