Teoria evoluzionista, Big Bang, religione ..... e l'eterno presente della Spiritualità Laica



Nel 1859, Charles Darwin pubblicava il suo ancora oggi controverso ma rivoluzionario “Origine della specie”, le
polemiche non si son ancora acquietate ma quel che suona strano –secondo me- è l’opposizione virulenta opposta alla teoria evoluzionista dai cosiddetti “creazionisti” (o credenti) di matrice religiosa, e più avanti spiegherò i motivi del mio stupore.  


Debbo far presente che non mi considero -strettamente parlando- un seguace della teoria Darwiniana, nel senso che al massimo la considero una spiegazione strumentale alla dimostrazione della cosiddetta realtà empirica… o della casualità.

L’ipotesi evoluzionista è basata sull’osservazione del processo trasformativo della materia e della vita conseguente alla modificazione od espansione dello spazio/tempo. In un certo senso questa teoria deve in ogni caso tener conto di un “inizio” e pertanto è vicina all’altra teoria della creazione progressiva del mondo, comunque basata sulla presenza di un Dio creatore da cui l’universo viene creato. 


Secondo la speculazione del Big Bang l’inizio del momento creativo viene posto nell’esplosione primordiale del nucleo
originario della materia, in seguito al quale incomincia pian piano il processo manifestativo della vita. Infatti i religiosi apprezzano molto la teoria del Big Bang come “dimostrazione” della volontà creatrice di Dio ma dovrebbero altrettanto accettare, per essere coerenti con i loro credo, anche il processo evoluzionistico delle varie forme vitali prefigurato da Darwin e dai suoi successori.

D’altronde se fosse vera la creazione “operata"  da Dio per ogni organismo vivente, separato da ogni altro (un pesce è un pesce, un asino è un asino, un uomo è un uomo, etc.), si potrebbe supporre una certa parzialità da parte dell’Altissimo, non solo per la scala gerarchica fra le varie specie ma anche perché alcune forme vitali sono addirittura scomparse dalla faccia della terra come se fossero “invise” o “trascurate” dal creatore stesso, il che non mi pare un segno di giustizia verso le creature….

Ma lasciamo da parte queste considerazioni e per un solo attimo lasciatemi illustrare altre elucubrazioni, di carattere filosofico, sortite dalla mente analitica di Schopenhauer, un filosofo contemporaneo di Darwin, che per altro molto piacque ai religiosi che in lui vedevano un “giudicatore del creato”, un moralista che sapeva distinguere fra bene e male, che sapeva raggiungere un traguardo: “.. se uno correndo tutto il giorno, giunge a sera, può dirsi soddisfatto. Ebbene, ora ce l’ho fatta, il crepuscolo della mia vita diventa l’alba della mia fama” (Senilia pag. 84 del manoscritto originale del 1856).

Egli si definiva nelle sue memorie uno “sprezza-uomini” uno che disprezzava la stupidità umana apprezzando per contro la sua intelligenza personale. Questa sorta di orgoglio intellettuale separativo è sicuramente poco “evoluzionista” ed infatti la sua “arte di conoscere se stessi” è tutta rivolta alla conoscenza della “persona” come entità avulsa dal contesto, un’individualità “prescelta”, evidentemente da Dio.   E questo atteggiamento piacque molto ai dottori della chiesa che -anch’essi- si sentono “benedetti” e privilegiati e protetti per la loro fede in Dio (per altro cieca).

Dal punto di vista della realtà assoluta (ma anche da quello
quantistico, fino ad un certo punto dell’analisi) la creazione può essere “progressiva” solo nell’ambito del divenire nello spazio tempo ma, come evidenziò anche Einstein, questo concetto dell’esistenza spazio temporale è puramente figurativo, non ha cioè vera sostanza essendo un relativo configurarsi di eventi costruiti e proiettati nella mente.

Perciò nella visione della assoluta Esistenza-Coscienza la creazione è un “apparire”, che si manifesta simultaneamente, sia pur considerata dall’osservatore uno svolgimento conseguente allo scorrere del tempo nello spazio. La manifestazione è di fatto un semplice riflesso nella mente del percepente che riesce a captarla ed elaborarla solo attraverso il “fermarla” nella coscienza. 


Un singolo fotogramma della totale manifestazione che, sia pur sempre presente nella sua interezza, viene illuminato dalla coscienza individuale, visto nella mente e srotolato nel contesto spazio tempo e denominato “processo del divenire”.

Da ciò se ne deduce che la descrizione evoluzionista di Darwin è “relativa” tanto quanto la visione “creazionista” dei più retrivi religiosi. Con buona pace del filosofo Schopenhauer.


Paolo D'Arpini





Commento di Giorgio Vitali: "Un ulteriore chiarimento alla evoluzione culturale in corso, che, tra parentesi, non ha precedenti nella storia quale ce la insegnano, riguarda le acquisizioni filosofico-scientifiche ( la psicologia è a cavallo fra questi due sistemi di conoscenza) connesse con i concetti di Universo OLOGRAFICO e di SINCRONICITA'. Leggere, di Massimo Teodorani,  SINCONICITA', il LEGAME TRA FISICA E PSICHE DA PAULI E JUNG A CHOPRA (Macro Edizioni,  2007).
Per quanto mi riguarda, faccio presente che questi concetti risultano palesi ANCHE attraverso l'osservazione diretta. Chi ha fatto l'esperienza di una vera fotografia OLOGRAFICA, cioè una foto della quale riesci a vedere il retro di un oggetto come se l'oggetto fosse concretamente davanti a te, capisce concretamente l'inesistenza della cognizione di spazio tridimensionale. Da qui la concezione dell'Universo olografico ( vedere le conferenze su YOU TUBE del prof. Vittorio Marchi). Siamo palesemente, e grazie all'inventore GENIALISSIMO DELLA FOTOGRAFIA OLOGRAFICA, AL PASSAGGIO EPOCALE E TRAUMATICO FRA DUE CONCEZIONI ESSENZIALI. IL RESTO VIENE DI CONSEGUENZA. LA SINCRONICITA' è UNA CONSEGUENZA DIRETTA di questo nuovo mondo ideale, e bene fanno coloro che l'hanno studiata a divulgarne i contenuti. Se NON esiste lo Spazio, almeno come lo concepiamo NOI, non può che esistere la sincronicità. Ma ne consegue anche l'immanenza dello Spirito nella Materia ( il nostro corpo o, anche, come sostenevano a ragione gli alchimisti, la materia concreta e grezza.)
Un ultimo esempio ci viene dal computer: nelle nostre operazioni computeristiche, anche la scrittura di lettere, il tornare indietro NON modifica il precedente. E' possibile sempre ritrovare il precedente. NON c'è passato!"

1 commento:

  1. OTTIME CONSIDERAZIONI ALLE QUALI AGGIUNGERò UN COMMENTO TRAMITE EMAIL.

    RispondiElimina