Il vangelo della vita perfetta e la corretta alimentazione secondo il cristianesimo delle origini


Nel Vangelo della Vita Perfetta Gesu’ il Cristo afferma di essere venuto sulla terra per far finire i banchetti di carne e riportare i templi al loro uso iniziale e non per essere usati dai mercanti come luogo di commercio e dai farisei come luogo di macello degli animali.
Egli afferma di essere Lui stesso “La Legge” e la Legge da seguire e’ quella di una vita spirituale, accompagnata da un’alimentazione puramente vegetale. In pratica la “Prima Legge”, quella inizialmente data da Dio a Mose’, e’ quella che tutti gli esseri viventi (animali compresi) devono seguire, e non la legge che Mose’ ha dato al suo popolo perche’ duro di cuore e consentendo il sacrificio di animali. Per Regno di Dio, Gesu’ il Cristo intende il tempio spirituale che si cela all’interno di ogni essere vivente ed in pratica dice che bisogna essere puliti dentro (sia spiritualmente sia fisicamente- alimentazione puramente vegetale) e non solo fuori (sepolcri imbiancati) per poter entrare in questo regno. E per poterci entrare bisogna seguire “La Legge”:
- amare Dio piu’ di se stessi;
- amare il prossimo tuo come te stesso;
- fare agli altri quello che vorresti che gli altri facessero a te;
- non fare agli altri quello che non vorresti che gli altri facessero a te;
- non uccidere; (qualsiasi forma di vita, non solo umani)
- seguire le regole alimentari (i semi e le piante che danno semi ed i semi ed i frutti che danno seme) ed igieniche (battesimo interno dell’acqua ed incontro giornaliero con l’angelo dell’aria, l’angelo dell’acqua, l’angelo del sole e l’angelo del sonno).
Nel Vangelo della Vita Perfetta, Gesu’ il Cristo afferma che la vita non e’ una ma bensi’ e’ molteplice (reincarnazione) e la Legge aiuta a staccarsi dalla vita terrena (sconfiggere la reincarnazione) ed entrare a far parte della sua schiera di anime perfette ricordandoci che c’e’ un numero chiuso (forse e’ vero o forse lo dice per spronarci, ma in qualsiasi caso io non rischierei)
Per scribi e farisei, Gesu’ il Cristo intende tutti quegli uomini di chiesa e non, che invece di fare il bene per ogni uomo ed insegnare loro la Legge (cosi’ come l’ha insegnata Lui predicandola nel Tempio) la distorcono e la interpretano a loro piacimento inserendo 100, 1000 e 10000 cavilli (aumentano il fardello da sopportare).
Capiamoci bene, quando Dio disse agli uomini che il loro cibo sarebbero stati i semi e le erbe che danno seme ed i frutti che danno seme intendeva letteralmente questa cosa e non disse “potete mangiare la carne” ma disse “non potete uccidere”: in effetti l’uomo inizialmente si cibava dei frutti del giardino dell’Eden che Dio aveva creato per l’uomo, segno questo distintivo della natura dell’uomo.
Se l’uomo fosse stato un carnivoro Dio gli avrebbe sicuramente costruito una fattoria con tutti gli animali e gli avrebbe insegnato Lui stesso ad uccidere gli animali ed a cibarsene. Ma Dio sapendo che l’uomo e’ vegetariano se ne e’ guardato bene dal farlo, conoscendo bene quali sono i cattivi e maliziosi pensieri che vengono generati dall’ingurgitare la carne dei nostri stessi fratelli.(Gesu’ dice chiaramente che l’uomo non avra’ agevolazioni dal fatto che e’ un animale evoluto e che sia l’uomo e sia l’animale sono nati dallo stesso spirito ed hanno lo stesso respiro)Inoltre in altri paragrafi del Vangelo della Vita Perfetta,
Gesu’ il Cristo dice che le cattive azioni commesse in questa vita si pagheranno nella prossima vita,dice che la vita non e’ unica ma e’ molteplice in quanto un’anima per diventare perfetta deve vivere tutte le esperienze e fare tesoro di queste e non ricadere negli errori precedenti nelle vite successive.
In pratica ho capito questo, la vera Chiesa non e’ la chiesa fatta dagli uomini, la vera chiesa e’ la Chiesa fatta da Dio e celata all’interno di ciascun essere vivente: perseguendo la Legge si entra in Chiesa (Regno di Dio) non osservandola si diventa modernisti e per cui peccatori, farisei e scribi.
(Anonimo Cristiano delle Origini)

Nessun commento:

Posta un commento