Chiesa cattolica in fermento... a quando un papa donna?


"Buone notizie dal vaticano", è il titolo di un racconto breve di fantascienza in cui si immagina l’elezione del primo papa “bionico”, anzi un vero e proprio robot. Il nuovo papa sarebbe  il garante di una nuova dottrina sincretica e interstellare, un vero papa giusto, poiché essendo una “macchina” potrebbe assicurare la necessaria equanimità religiosa.
Certo che alla fantascienza religiosa ci stiamo sempre più avvicinando, in questi ultimi anni la storia dei papi si è arricchita di un papa dimissionario, che peccava di credibilità, e di un papa bis che invece rafforza la “fede” con messaggi eclatanti. Tanto eclatanti che i “fedeli” spesso restano a bocca aperta come pesci fuor d’acqua.
L’ultimo annuncio è quello di un improvvisato "giubileo “povero”, da tenersi a Roma. Proprio in un momento storico drammatico in cui la guerra di civiltà sembra alle porte. Hanno colpito inoltre le parole del “Santo Padre”  relative alla sensazione che il suo “potrebbe essere un pontificato breve”. Qualcuno, sicuramente un fanatico della new age,  ha subito ritirato fuori le profezie nere sul “papa nero”,  che preannuncia  la fine mondo.

Bergoglio, viene in effetti definito “papa nero”  in quanto appartenente all’ordine dei gesuiti,  il  cui  superiore generale, per il colore della tonaca che indossa e in quanto eletto a vita, è proprio come il Pontefice.
Altri osservatori ritengono invece che le parole di Francesco sottintendano un timore di essere fatto fuori dalla gerarchia vaticana, come avvenne al papa Luciani, per le sue innovazioni  nella gestione dell’apparato vaticano e nelle espressioni di una nuova religiosità.
Ad esempio, alcune gole profonde, riferiscono -ma sembra proprio una panzana- che Francesco avrebbe affermato: “L’inferno è solo una metafora per l’animo isolato, che, come tutte le anime alla fine sarà unita in amore con Dio È giunto il momento di abbandonare l’intolleranza. Dobbiamo riconoscere che la verità religiosa si sta evolvendo e cambiando. La verità non è assoluta o scolpito nella pietra." 
Ed in effetti anche gli atei riconoscono l'esistenza di una energia "universale".   In linea con una  nuova comprensione della "religione",  auspichiamo nella chiesa cambiamenti radicali, ad iniziare dall'abbandono di obsolete dottrine bibliche  sino all'ordinazione di  donne vescovi e sacerdoti. Ed in futuro, spero che avremo un giorno un papa femmina.
Paolo D’Arpini


Nessun commento:

Posta un commento