Agire, non agire - In verità nessuno agisce, ma viene agito

"I cosiddetti  'fatti'  sono filtrati dalle nostre emozioni e interpretazioni e  raccontano la 'nostra' storia così come noi l'abbiamo percepita." (Saul Arpino) 


L’angolazione del giudizio sui fatti esaminati nella storia e nella nostra vita  dipende solo dalla propensione emozionale  a vedere le cose per come le sentiamo vere. Come accade  ad esempio per le diverse verità narrate nel  film Rashomon…
 
Sappiamo però che la storia non è mai quella raccontata e nemmeno quella percepita con le budella.
 
La storia, anche nella migliore delle ipotesi, è un mosaico di piccoli particolari ed eventi disgiunti che solo all’analisi successiva appaiono consequenziali e collegati gli uni agli altri, Come i fotogrammi scelti dal regista per raccontare la trama del suo film. 

Nella nostra vita percepiamo lo stimolo di  rispondere "adeguatamente" nelle evenienze più diverse che ci capitano ma non possiamo dire che il filo conduttore sia la nostra volontà  di ottenere i risultati che ci siamo prefissati. Succede quel che succede e poi noi  esprimiamo il nostro parere: "ho compiuto questa azione e mi piace", oppure: "ho compiuto quell'azione e non mi piace…", e con ciò riteniamo che  quanto avvenuto sia il risultato del nostro agire (buono o cattivo che sia).
 
In realtà nessuno fa nulla c’è solo un’intersecazione e commistione di forze diverse  che agiscono attraverso di noi.  Quel che resta sono i semplici fatti, non le ragioni o le intenzioni. Comunque tendiamo ad esaminare quei fatti con la nostra visione personale ed il nostro senso del giudizio.
 
La vita è tutta una meravigliosa sorpresa e voler stabilire il suo significato  è semplice arroganza!  Questa la mia opinione…
 
Paolo D’Arpini  

Nessun commento:

Posta un commento