La reincarnazione non esiste... e nemmeno il karma



Il mio parere sulla reincarnazione? 

E' come la ricorrente fioritura e fruttificazione di un albero.  I risultati del processo vitale possono variare in seguito alle condizioni ambientali e temporali. La capacità di adattamento e risposta a tali condizioni è insita nella "coscienza" della pianta. Le modificazioni, sia a livello di mutazioni esterne che di adattamenti interni, non sono espressione di "volontà", quindi non comportano una responsabilità diretta (quale risultato di una "scelta"). 

Insomma il risultato è in conseguenza di una serie di fattori congiunti e collegati inestricabilmente gli uni agli altri.  Dal punto di vista naturalistico, vediamo che la vita, nella sua assolutezza, è indipendente  da ogni  descrizione e senso di identificazione delle sue diverse forme  e dei singoli processi vitali. Fiori, foglie, corteccia, rami, radici, pioggia, vento, sole, terra... Non si possono imputare separati scopi e ragioni alle parti... Tutto avviene in un contesto inscindibile che possiamo chiamare "Tao" oppure...

Ma ora, per cercare di capire il funzionamento dell'identificazione con i diversi momenti ed aspetti vitali, facciamo un altro esempio, quello del sogno poiché è il più vicino alla similitudine della dimenticanza di noi stessi, in quanto pura coscienza.  Infatti quando noi sogniamo vediamo innumerevoli personaggi alcuni in antitesi con altri ma realmente essi sono tutti lo stesso sognatore. In questo sogno -chiamato il divenire- compiamo un percorso, un processo trasmutativo della coscienza individualizzata, che potremmo -da un punto di vista separativo- anche definire trasmigrazione o metempsicosi. 

Il motore del samsara è il karma -o azione- ma  forse sarebbe meglio dire che è la propensione a compiere l’azione… Secondo la teoria "causa effetto", della reincarnazione,  il destino di questa vita (prarabdha) è la maturazione del karma più forte delle vite precedenti, con ciò non esaurendo la possibilità di future nascite con altri karma che abbisognano di una diversa condizione per potersi manifestare. Il modo per creare ulteriore karma viene individuato nell’atteggiamento con il quale viviamo la vita presente, ad esempio se  emettiamo pensieri di scontento od eccessivo attaccamento verso gli eventi vissuti. 

In se stesso il prarabdha di questa vita non cambia sulla base degli sforzi da noi compiuti mentre lo stiamo vivendo, è come un film che sta tutto nella pellicola,  quindi pensare di modificarne il  contenuto (una volta iniziata la proiezione) è irreale. Possiamo essere consapevoli ed accettare il film -come attenti spettatori- oppure arrabbiarci e commuoverci al suo scorrimento desiderando di modificarne gli eventi con la mente….  si forma  nuovo karma…

Allo stesso tempo dovremmo chiederci:  "..a chi appartiene questo karma? Esiste realmente un usufruitore, un  io personale responsabile delle azioni che creano il karma?" 


Secondo la visione nondualistica  l'io è una sorta di miraggio, l'identificazione  da parte della coscienza con l'oggetto osservato,  un semplice riflesso condizionato, come avviene nell'osservazione della "propria" immagine in uno specchio che la mente riconosce come "se stessa". Questo è il funzionamento spontaneo della coscienza che si proietta nel "godimento" della manifestazione, nel mondo delle forme e dei nomi.  

Quindi cosa è la reincarnazione?

Paolo D’Arpini



Nessun commento:

Posta un commento