Vernengo - Quando le mucche andavano al pascolo e partorivano nei tempi giusti



...una volta, fino alla fine degli anni '70 del secolo scorso, il 25 novembre era il giorno della chiusura dei caseifici. Infatti le bovine, che erano allevate in maniera più naturale e i parti erano stagionali, venivano munte da aprile a novembre, dopodiché venivano messe in asciutta. 

I caseifici, che erano piccoli e numerosi, chiudevano, magari ne rimaneva aperto uno per lavorare il poco latte che veniva comunque prodotto e che era utilizzato per fare il “vernengo”. 

A quei tempi si che era buono il formaggio! 

La parte migliore poi era la testa, quello che veniva prodotto nei primi mesi. Le bovine erano quasi tutte di razza bianca valpadana, facevano meno latte di quelle di razza frisona di oggi, ma erano più sane e campavano di più. Magari erano alla catena, si, ma erano trattate bene e mangiavano roba buona, naturale. Il latte e il formaggio avevano tutto un altro sapore! Adesso sono libere, spesso, nelle stalle moderne, ma vengono sfruttate al massimo e l’alimento raramente è veramente di buona qualità! Non sarà mica benessere questo!

Ma sarebbe possibile un ritorno a quei tempi? Evidentemente no! Il lavoro in stalla mandato avanti da operai, di solito stranieri e il lavoro di produzione del formaggio nei caseifici è a carico di dipendenti, per cui si deve avere da lavorare tutto l’anno e così le gravidante e i parti vengono artificialmente programmati e distribuiti.

Il latte sta riprendendo quota sul mercato, per vari motivi, chissà che una parte dei guadagni non possa essere impiegata per il “benessere” degli animali….!?

Caterina Regazzi

1 commento:

  1. Carissima Caterina, ti leggo volentieri e so bene del tuo impegno lavorativo con gli animali. Quando ne parli traspira la simpatia che hai per loro. Purtroppo non condivido le lodi al latte e al formaggio. Da tempo ho capito (anche grazie a ciò che raccontava Steiner) che non se ne dovrebbe usare. Tante intolleranze, però, derivano proprio da come vengono alimentati i bovini. Di sicuro avrai altri commenti a ciò che ti scrivo... io mi fermo qui. Mi piacerebbe discuterne guardandoci negli occhi e magari per qualche mezz'ora e non solo da queste pagine, comunque utilissime e piacevoli. Grazie. Un abbraccio

    RispondiElimina