Giappone - Navi aliene e presenze misteriose



Su stampe antiche del periodo EDO appare una storia con allegato un manuale tecnico dettagliato che ha dell’incredibile e venne chiamato Utsuro Fune. 

Un giorno, una barca sferica è stata trainata in un villaggio giapponese dopo essere apparso sulla spiaggia. All’interno è stata trovata una donna che sembrava più o meno come la gente del posto: aveva la pelle bianca, capelli rossi e bianchi, parlava una strana lingua ed aveva una scatola che sembrava di vetro vicino a lei con simboli sconosciuti. La ‘barca’ aveva strani simboli su di essa, come mai la popolazione locale aveva mai visto.

Il dr Kazuo Tanaka dell’Università di Gifu ha studiato la storia di questa ‘donna straniera’ e del suo dispositivo artigianale ed è giunto alla conclusione che, quasi sicuramente, era di origine extraterrestre.

La storia della Utsuro-Fune (o Utsuro-bune) è apparsa più volte, nel 19° secolo, anche nella letteratura giapponese e molte rappresentazioni della donna e del suo dispositivo sono state impresse in stampe antiche su carta di riso con dettagli stupefacenti, tutte molto simili, come fossero fotografie di un tempo che fu.
I materiali sono stati ristudiati di recente ed erano conservati blindati all’interno di un monastero giapponese. Per gli appassionati del genere questa documentazione viene classificata U.S.O. (Unidentified Sea Object).

________________________________

Hyouryuukishuu: un incontro UFO nella storia nipponica

La Biblioteca Iwase Bunko è in possesso di un documento intitolato Hyouryuukishuu (“Diario e racconti dei naufraghi”), che è stato stampato nel corso del tardo periodo Edo (1603-1868). Il documento racconta le storie di marinai giapponesi che si trovarono in terre straniere dopo essersi persi in mare, così come stranieri naufraghi approdati sulle spiagge del Giappone. 

Per il popolo giapponese, che all’epoca viveva in un prolungato periodo di isolamento nazionale, questi racconti esotici devono essere sembrati molto fantastici. Ma oggi queste storie sono state ristudiate e tra queste storie vi è il racconto di una nave naufragata, con un aspetto molto misterioso. Secondo il documento, questa nave è spiaggiata a Harashagahama a Hitachi-no-kuni (l’attuale prefettura di Ibaraki).

Il corpo della nave, descritta come 3,3 metri di altezza e 5,4 metri di larghezza, era stato costruito da materiale simile al colore del legno di sandalo rosso e ferro ed era dotato di finestre di vetro o cristallo. Personaggi misteriosi ed un alfabeto sconosciuto sono stati trovati in iscrizioni all’interno della nave.

A bordo della nave alla deriva fu trovata  una donna giovane elegantemente vestita, con un viso pallido e con sopracciglia e capelli rossi, fu  stimato essere tra i 18 ei 20 anni.
Fu scritto che parlava una lingua sconosciuta, metallica , tanto che quelli che aveva incontrato non erano in grado di determinare da dove fosse venuta.
Tra le sue braccia  stringeva una semplice cassa luminosa simil legno che sembrava essere di grande valore per lei, al punto da non permettere a nessuno di avvicinarvisi.
Il documento mostra una porzione di testo che si trova all’interno della nave. Altri documenti del periodo Edo descrivono le varianti dettagliate  di questo misterioso incontro. Toen Shousetsu(1825), nel libro Kyokutei Bakin (che è più famoso per i suoi 106 volumi di epica samurai Nansou Satomi Hakkenden) racconta la storia dell’incontro stesso, riferendosi alla strana imbarcazione come il utsuro-fune (“nave lievitante vuota”).
Un’altra variante di questo racconto appare in Ume no Chiri (1844), scritto da un autore relativamente sconosciuto chiamato Nagahashi Matajirou.  Un’analisi approfondita di queste due varianti della storia si possono trovare in un articolo tradotto da Kazuo Tanaka intitolato “Incontro ravvicinato su una spiaggia giapponese nel 1803." Questo racconto è il secondo ufficiale che sta riscuotendo un interesse nazionale per i sui dettagli sul fenomeno ufo giapponese.

Il caso è stato riportato anche in uno speciale UFO di “Voyager”. Il carattere sconosciuto, confrontandolo con gli ideogrammi dell’alfabeto giapponese (vista la loro similitudine), starebbe a significare “Io sono Dio e vengo col vascello di Dio“.
Davvero inquietante.

Fonti: youkosoitalia.net e centroufologicotaranto

2 commenti:

  1. "Siate svegli perché non sapete quando lo sposo arriverà".- Gesù
    Quando i figli di Dio verranno sulle loro navi che non hanno mai solcato le acque (astronavi quindi - ndr), due si troveranno nel campo, uno sarà preso e l'altro lasciato, due saranno nel letto, uno sarà preso e l'altro lasciato.....Chi sarà sul tetto non scenda nella casa.... - Daniele
    Sul significato dell'ultima frase, invierò un commento per il Giornaletto

    RispondiElimina
  2. CHI E’ SUL TETTO NON SCENDA NELLA CASA

    L’essere umano ha 7 corpi, detti anche chakra in sanscrito o capitas in messicano.
    Questi 7 corpi, nel mondo spirituale puro, vengono chiamati
    ORDINE; VOLONTA’, SAPIENZA, SERIETA’, AMORE, PAZIENZA (o Bontà) e MISERICORDIA (o Mitezza).
    I primi 4 (Ordine ... Serietà) sono detti “della figliolanza di Dio"
    Gli ultimi 3 (Amore... Misericordia) sono detti "Caratteristiche divine".
    Raggiunti questi, si hanno capacità guaritrici, divinatorie e altro ancora.
    Il nostro compito di esseri umani e di anime è quello di sviluppare questi 7 centri e ripulirli, cominciando dall'Ordine, la base di tutto, in modo da ritornare perfetti, cioè puro spirito, e ricongiungerci con Dio, come lo sono tutti gli esseri che non sono “caduti”.
    Se vogliamo rappresentare i 7 centri in modo geometrico, potremmo farlo disegnando una casetta come quelle che disegnano i bambini quando imparano a disegnare; un quadrato per la casa e un triangolo sopra come tetto. Quindi, chi si è evoluto e ha sviluppato uno o più dei 3 centri superiori (del tetto) non scenda nella casa, cioè non ritorni in uno dei 4 centri inferiori, in poche parole non regredisca nel suo cammino evolutivo a uno dei livelli più bassi. E’ un avvertimento a chi si sarà evoluto nel corso di quella vita in cui vedrà gli eventi catastrofici finali. E perché ? Perché gli eventi degli ultimi tempi saranno tali da esercitare forti spinte a far involvere ai livelli di spiritualità più bassa, più materiale, rappresentati dal corpo della casa.
    E poiché non sappiamo quando esattamente verranno tali eventi, Gesù ci avvisò con la parabola delle vergini “vegliate perché non sapete quando arriverà lo sposo (il Cristo salvatore con i Suoi angeli sulle loro astronavi)”, mentre Daniele ci mette in guardia sulla possibilità di cedere alle tentazioni materialistiche degli ultimi tempi, gli attuali.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.