Nuovo Mondo.. tra astrologia, karma, dharma ed intelligenza umana...




Quando le tre caravelle di Colombo approdarono sulle sponde del
continente americano, gli Europei coniarono un'espressione
emblematica; parlarono di "Nuovo Mondo" come se fosse la scoperta più
sorprendente che potesse esser stata fatta sino allora. 

Terre selvagge, abitanti altrettanto selvaggi, odori e cibi sconosciuti e
appunto nuovi. Si potrebbe dunque dire anche rivoluzionari (perchè
no?) per gli abitanti del vecchio (continente) che mai avrebbero
pensato che ci potesse esser vita al di fuori delle loro conoscenze,
delle loro considerazioni, insomma del loro "piccolo mondo antico".
Stiamo per assistere alla stessa identica rivoluzionaria scoperta: sta
per esser spazzato via il vecchio, ormai logoro e spento, per andare
verso il nuovo, forse ignoto ma per sua stessa natura, affascinante.

Dal basso, dal più profondo e viscerale humus nascono le forze che
premono e poco dolcemente spingono al cambiamento. Un braccio
libertario e rivoluzionario che schiaccia chi non è disposto a cedere
il proprio potere (spesso personale) perché ci sia libertà ed
eguaglianza per tutti, non incline ad accettare eventuali compromessi
e disposto a tutto pur di ottenere quel che vuole.

Non può certamente esser considerata solo una coincidenza priva di
significato l'entrata e il posizionamento di Plutone nel Capricorno
proprio durante i moti rivoluzionari dell'allora Francia monarchica
che reclamava pane al posto di brioches, libertà e giustizia sociale
al posto di limitazioni e rigidi schemi politici, le cui conseguenze
hanno modificato i presupposti ieologici, filosofici, sociali e
politici dell'Europa tutta.

Saranno forse le Piramidi a lanciare la nuova moda? La crisi egiziana,
scoppiata poco dopo quella tunisina, sta suscitando apprensione nel
mondo della diplomazia e rischia di trasformarsi nell'epicentro di un
terremoto le cui conseguenze sono ignote anche agli stessi soggetti
coinvolti nel dramma che si sta consumando sotto gli occhi di tutti.

Si può solo ipotizzare, e sperare, che il risultato di questo balzo
felino (le rivolte maghrebine sono cominciate sotto il famigerato e
tanto temuto "anno della Tigre di Metallo" (2010) che come noto per i cinesi
è sempre stato un animale particolarmente passionale ed aggressivo)
sia un'apertura alle riforme e un nuovo volto, più democratico e
libertario rispetto al regime che il "Rais" Mubarak ha imposto, con la
complicità e il sostegno degli Stati Uniti, per circa una trentina di
anni. 

Possibile ritorno al fuoco, dunque: terrorismo? Eruzione vulcanica?
Come conciliare forze sotterranee così potenti con l'idea di pace,
prosperità e fraternità che dovrebbe comportare un mondo più
democratico e libero? Altro elemento di destabilizzazione che non può
né deve esser sottovalutato, è l'ingresso del Signore dell'inconscio e
dell'oblio, del sogno e dell'inganno, ovvero Nettuno, nel suo naturale
domicilio: il segno dei Pesci (nel quale è entrato dal 2011).

Nettuno sguazza nelle acque oceaniche, tra correnti contrastanti e
vastità di spazi, dove i colori si mescolano con armonia ma proprio
per questo confondono un occhio poco allenato alle sfumature più
sottili. Il suo domicilio diurno, come detto, cade nel segno che
chiude l'intero cerchio zodiacale, ma quello notturno risiede nel
Sagittario, segno proiettato verso il futuro e l'ignoto, come
risaputo.

Interessante è dunque porre l'accento proprio sugli aspetti più
significativi e pregnanti di Nettuno, che rappresentano l'interiorità
personale che si manifesta non tanto o non solo nell'ambiente
circostante ma comporta un'eco di più ampio respiro, coinvolgendo
anche "l'altro" inteso in chiave di "straniero" o comunque "lontano"
da sè.

Chiama in causa l'inconscio (Freud, padre della psicanalisi, aveva nel
proprio tema natale, Nettuno nel segno dei Pesci!), le allucinazioni,
le droghe e gli eccessi di natura psicologica. Ci potrebbe essere una
liberalizzazione dei costumi, potrebbero esser messi nuovi fiori nei
cannoni, oppure rendere legale l'uso di cannabis! Sicuramente il
richiamo delle sirene renderà, almeno inizialmente, l'atmosfera molto
più lasciva e rarefatta rispetto agli anni di austerità precedenti.

In primo piano la fantasia, la creatività (durante il suo transito nel
pieno del XVI Secolo sono nati artisti del calibro di Bach e Haendel)
il senso religioso ( innegabile la natura filosofica e speculativa che
sfiora il misticismo sia dei Pesci sia del Sagittario) che potrebbe
suscitare un profondo risveglio di coscienze assopite da una
uniformità eccessivamente imbevuta di razionalismo dettato dal
precedente (ed attuale, ancora se per poco) transito di Nettuno
nell'Acquario. Riscoperta di nuovi valori etici (ma non è da escludere
anche scoperta in chiave scientifica che potrebbe suscitare remore
morali o religiose, mettendo in crisi l'attuale scala di valori),
solidarietà sociale unita alla "fede" (non necessariamente in una
divinità ma anche nell'uomo che incarna il ruolo divino )
Acqua che irriga, acqua che inonda (si potrebbe parlare di un nuovo
Tzunami, terreno o spirituale che sia, sarà pur sempre profondo e
potente) acqua che spegne, acqua che disseta.

Saranno richieste maggiori garanzie per la famiglia e per i giovani,
istanze sociali le cui risposte non saranno più arginabili con manovre
politiche di minor rilievo ma richiederanno azioni concrete di più
ampio respiro.

Plutone, Urano, Nettuno: pianeti considerati dall'astrologia (e così
definiti) "lenti" poichè impiegano anni, a volte Secoli a spostarsi da
un segno zodiacale all'altro, e che comportano cambiamenti altrettanto
lenti ma altrettanto profondi quando viaggiano e cambiano "sede" e
noi siamo testimoni di un "momento" storico particolarmente
significativo e delicato.

Torniamo al nuovo: i nostri antenati hanno scoperto nuove terre, nuove
popolazioni, nuove coltivazioni, nuovi orizzonti. A noi cosa toccherà
scoprire? Non c'è da escludere che potrebbero arrivare conferme di
popolazioni presenti su altri pianeti, magari neanche troppo lontani
dal nostro "piccolo mondo antico" oppure non sarà necessario spingere
troppo oltre il naso per la vera e sorprendente scoperta del nuovo
millennio, ovvero che l'uomo non sempre è lupo all'uomo e non sempre
agnello, ma è un suo pari, con eguali diritti ed eguali doveri, da
onorare.

Insomma, qualsiasi sia la scoperta e soprattutto la "rivoluzione"
l'importante è prepararsi, ma ancor di più non mancare a questo
importante evento, preannunciatoci dal Cielo, ancora una volta guida
dell'umanità, proprio come tradizione vuole!!

Angela Braghin

1 commento:

  1. ho letto con speranza ed ottimismo. grazie del bel post. Barbara

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.