Pensieri vegetariani di veri “illuminati”


“Dimmi cosa mangi e ti dirò chi sei” (Antelme Brillatt-Svarin)
“Oh mangiatore di carne, tu non sei un essere umano. Non accompagnatevi con un mangiatore di carne, perché anche la sua sola compagnia è dannosa per la devozione al Signore. Credimi, amico, coloro che mangiano carne e pesce e bevono bevande inebrianti, saranno tutti estirpati come le erbacce sono estirpate da un fertile campo e gettati dentro un’oscura valle di morte. Tutta la carne è una che sia di uccello, di cervo o di vacca e coloro che la mangiano andranno direttamente all’inferno con gli occhi aperti”. (Kabir, poeta Sufi)
“Il cibo fa l’uomo dissoluto o responsabile, mediocre o illuminato.
(Claudio Galeno, 129-201 d.C.)
“Coloro che uccidono gli animali e ne mangiano le carni saranno più inclini dei vegetariani a massacrare i propri simili”. (Pitagora)
“A questo mondo nessuno può raggiungere i vertici di crudeltà, di malessere, di atrocità, di sconcezza di un uomo che uccide il proprio vicino e ne mangia il cadavere”. (Lien Ch’ih, maestro cinese)
Mencio: “Abusare di creature innocenti e prive di protezione, equivale a maltrattare e a brutalizzare dei bambini, perché gli animali sono in realtà dei bambini, e questo comportamento non è degno di gente onorata e civile”.
“Uccidere gli animali per nutrirsi del loro sangue e delle loro carni è una delle più deplorevoli e vergognose infermità della condizione umana. Questo nutrimento contiene in se i principi irritanti e putridi che agitano il sangue e abbreviano la vita dell’uomo. Verrà il tempo in cui gli uomini aborriranno il consumo di carne come ora noi aborriamo il cannibalismo”. (Alphonse Lamartine, poeta francese, 1790-1869)
“Nel mondo invisibile ogni uomo è accompagnato dalle anime di tutti gli animali di cui ha mangiato la carne; queste anime reclamano un risarcimento… le guerre tra gli uomini in realtà sono il risultato di tutto il massacro di animali che gli uomini compiono… La legge di giustizia è implacabile: gli uomini devono pagare versando tanto sangue quanto ne hanno fatto versare agli animali”. (Da “Lo yoga della nutrizione” di Aivanov, maestro di esoterismo)
“Fino a che gli esseri umani continueranno a spargere il sangue degli animali, non ci sarà alcuna pace. C’è solo un piccolo passo da fare dall’uccidere gli animali a costruire camere a gas e campi di concentramento. Non ci sarà giustizia finché un uomo brandirà un coltello o un’arma per distruggere coloro che sono più deboli di lui . Per anni ho desiderato diventare vegetariano. Non riuscivo a capire come fosse possibile parlare di misericordia, parlare di umanitarismo e contro lo spargimento di sangue quando noi stessi spargiamo sangue, il sangue di animali e creature innocenti. Per quanto riguarda il suo comportamento verso gli animali, ogni uomo è un nazista”. (Isaac B. Singer, vegetariano, premio Nobel per la letteratura, ebreo sopravvissuto ai campi di concentramento nazisti.
“Chi è più crudele ed egoista di colui che vuole nutrire il proprio corpo con la carne di animali innocenti”? (Krishna)
“Benedette siano le nazioni che trattano benignamente e favorevolmente gli animali, che compatiscono le loro miserie e i loro dolori. Maledette siano le nazioni che li trattano crudelmente, che li tirannizzano, che amano spargere il loro sangue, che sono avide di mangiare la loro carne”. (Giacomo Leopardi)

1 commento:

  1. In effetti, osservando il Mondo come va avanti sembra una rappresentazione di quello che facciamo in piccolo.
    Alleviamo animali e siamo a nostra volta allevati dai poche persone sempre più potenti; viviamo raramente in armonia con Madre Natura nella vita di tutti i giorni e quindi "in grande" stiamo distrugggendo molte sue risorse che generosamente continua a donarci e di riflesso il nostro corpo si ammala sempre di più.
    Come in alto così in basso... recitava uno scritto illuminante.

    Mi auguro che questa crisi economica mondiale che si abbatterà più in profondità (ormai la ricchezza si è spostata in Cina e gli Usa sono destinati a cedere la loro egemonia) aiuterà la maggioranza degli occidentali a cogliere le opportunità di una vita diversa dove la semplicità e l'armonia con se stessi sarà la regola e quindi, di "riflesso", con il proprio prossimo e il mondo intero.

    RispondiElimina