L'armonia esterna contribuisce all'armonia interna (e l'inverso)

Come nella pittura l’armonico accostamento tra più colori può produrre un’opera d’arte e nella musica l’armonia tra le note produrre una sinfonia, così l’armonia tra il nostro organismo e gli elementi che entrano a farne parte attraverso l’alimentazione sono in grado di produrre uno stato armonico tra salute, benessere e felicità nella persona.
Come in pittura è importante la qualità dei colori quanto la capacità artistica del giusto accostamento, così nella musica è necessario che le note siano prodotte dallo strumento adatto ed armonicamente accostate per produrre una sinfonia: allo stesso modo gli alimenti armonici con il nostro organismo sono quelli biologicamente compatibili con la nostra natura di esseri fruttariani. Alla stesso modo un’alimentazione inadatta per qualità e quantità di nutrienti è in grado di produrre disarmonia nell’organismo e quindi malattia.
L’alimentazione idonea alle esigenze biologiche del nostro organismo oltre a dare all’individuo buona salute corporea favorisce lucidità di pensiero, creativo, penetrante, positivo e di conseguenza all’armonia indotta tra corpo e mente, svilupperà la componente emotiva nell’individuo, la sua sfera sensibile, della quale ne beneficerà la sua stessa dimensione spirituale e favorirà l’elevazione e quindi alla realizzazione integrale dell’essere umano.
E’ l’armonia tra i diversi componenti un organismo che dà alla vita la possibilità di manifestarsi. L’amore stesso si manifesta tra due o più soggetti tra in cui si stabilisce una simbiosi affettiva. Un edificio è stabile non solo se ha buone fondamenta ma se le strutture portanti sono solide, se gli impianti sono fatti ad opera d’arte e se i componenti strutturali sono conformi alla buona resistenza e all’estetica architettonica. Il bene è sinonimo di armonia, di sintonia, di equilibrio. Qualunque progetto può giungere a compimento solo se il suo programma si esprime in modo armonico.
L’armonia regna sovrana nell’universo. Né gli esseri unicellulari né le galassia potrebbero esistere senza l’equilibrio armonico tra le masse che compongono la materia, tra le forze elettromagnetiche, tra l’energia. Anche un meccanismo, una macchina, risponde alle esigenze solo se tutti i suoi componenti funzionano armonicamente e in sintonia. La fusione armonica tra l’idrogeno e l’ossigeno genera l’acqua. L’equilibrio tra i 5 componenti fondamentali  (acqua, terra, aria, etere e fuoco) consente alla vita di manifestarsi sul pianeta. La prevalenza dell’uomo sugli altri creerebbe il caos.
L’organismo umano per svilupparsi ed assolvere alle sue funzioni ha bisogno di nutrirsi di zuccheri, grassi, proteine, minerali, vitamine e acqua. La salute dell’individuo, il suo benessere e quindi la sua felicità è assicurata solo se le sostanze che entrano a far parte del suo organismo tramite la dieta sono tra loro ottimali, cioè in proporzione armonica tra loro, diversamente se c’è carenza o sovralimentazione viene ad instaurarsi la malattia che può portare alla sofferenza e anche alla morte. Ogni organismo vivente, dal filo d’erba alla balena è una stupefacente ed armonica opera d’arte. Per contro la mancanza di armonia tra le parti genera tensione, conflitto, violenza, sofferenza, distruzione.
I sistemi che alimentano e vivificano l’organismo (linfatico, sanguigno, ormonale, enzimatico, neurologico…) funzionano solo se sono armonici ed in sintonia tra loro. Uno stato funziona solo se i suoi sistemi politici, economici, amministrativi, legislativi ecc. non solo sono in sintonia tra l’oro ma singolarmente armonici all’interno di se stessi. Allo stesso modo una coppia, una famiglia vive bene solo se i suoi singoli componenti sono in sintonia tra loro; ma affinché ci sia intesa tra i componenti è necessario che l’individuo sia in se stesso, individualmente, personalmente armonico.
E affinché l’individuo sia armonico con se stesso è necessario che i componenti fondamentali dell’entità umana (corpo, mente, coscienza e spirito) siano non solo in sintonia tra loro ma abbiano lo stesso livello evolutivo.
Franco Libero Manco

Nessun commento:

Posta un commento