"...non esiste altro Dio all'infuori di me"



Quando dico che "non esiste altro Dio all'infuori di me" non significa che oggettivamente io non riconosca l'esistenza di Dio e neppure che per me Dio sia una soggettiva  presenza interiore. Nella mia "definizione" di Dio c'è sia il soggetto che l'oggetto.   Ma la definizione elude l'Essenza, la vera sostanza. 

Riconoscere la presenza di Dio non è conseguente ad un credere in quella presenza. La mia fede in Dio è la capacità di aver fede in me stesso. La coscienza e la consapevolezza di essere cosciente nutrono quella fede. 

Dio esiste perché io esisto ed io esisto perché Dio esiste. La separazione è solo nelle parole, nella descrizione. Perciò -a questo punto-  non serve rinunciare alla Fede, poiché la fede non è rivolta ad un qualcosa di separato da sé. 

La fede è volontà, la fede è capacità di riconoscersi, la fede è verità intrinseca che spontaneamente sorge dall'interno. Senza fede non sarei in grado di sperimentare la fiducia in me stesso. Il mio Maestro è questa fede. Essere "se stesso" è come essere "quel che sono". Non potendo mai essere altro, come Dio lo è in se stesso. Questa fede sempre mi accompagna, è la mia natura. 

Questa conoscenza è una grande "liberazione" poiché mi affranca dal dover credere  in un dio, nel senso di un creatore diverso da me, una sorta di padre situato al vertice di una burocrazia "celeste". 

Questo il sentire della Spiritualità Laica, il sentire  del Tao e dell'Advaita. Se crediamo nel divino capofamiglia, restiamo bloccati in uno stato adolescenziale. Se il divino è un supremo governatore del mondo noi restiamo vittime e succubi di una autorità insondabile. Sia essa definita indifferentemente dio o demonio, destino o libera scelta, bene o male. 

L'abbandono del credere non esclude però il mantenimento della fede. La fede è necessaria non perché ci siano forze a cui dobbiamo appellarci per ricevere favori od evitare castighi. La fede è coscienza di appartenere indissolubilmente a ciò che è. 

Possiamo definirla Tao, Shakti, Sé... tutti aspetti meravigliosi del nostro Essere, sono i modi espressivi dell'Energia Vitale che consentono alle cose di manifestarsi, sono le metafore indispensabili per l'esperienza spirituale. 

Se questa fede  non viene scossa od esaltata  perché accadono cose piacevoli o spiacevoli, se la fede non ha più bisogno di essere confermata, se non siamo più noi con i nostri sforzi a sostenere la fede, allora la maturità è raggiunta. Avviene spontaneamente che il senso di manchevolezza o di inadempienza scompaiano e restiamo in pace. Shanti.

Ma fino a quel punto, coltiviamo la nostra fede come dei bambini che coltivano il proprio crescere accettandolo.


Paolo D'Arpini

Nessun commento:

Posta un commento