Il vero ritorno a casa.... nel grande assorbimento



“La casa è il corpo più grande” diceva il poeta e saggio Kalil Gibran ed è vero… perché sentire di stare a casa sorge dal senso di presenza in cui si riconosce la propria casa. Quindi la casa non è un luogo ma uno stato di coscienza.  
Il 26 aprile  ricorre l'anniversario della inaugurazione del Circolo Vegetariano VV.TT., quella sera del 1984 facemmo una festa nella sede storica di Calcata e da allora ogni anno, abbiamo festeggiato il compleanno con la cosiddetta "Festa dei Precursori". 
Dal 2011 la sede del Circolo è stata spostata a Treia (una silloge della nostra storia:  http://www.aamterranuova.it/Blog/Riconoscersi-in-cio-che-e/Da-Calcata-a-Treia-epopea-del-Circolo-vegetariano) e da allora la Festa dei Precursori qui si è svolta. Forse la sede di Treia sarà anche quella definitiva e magari  il Circolo continuerà ad esistere anche dopo la mia dipartita, chissà...? Ma  non credo che per me  vi saranno ulteriori spostamenti e pertanto  qui a Treia resto in attesa del  “Grande Assorbimento”, un eufemismo per significare il momento auspicioso del “Vero” ritorno a Casa. Il momento in cui lo spirito si alleggerisce da ogni legame corporale ed il senso di “presenza” è assolutamente libero e indipendente da ogni luogo e da ogni tempo. 
Ma non è detto che questa condizione di totale “affrancatura” debba essere raggiunta con la morte, può avvenire anche nel corpo il momento in cui i legacci col mondo vengono recisi, il momento in cui il senso di identificazione con l’ego viene sciolto, per ritrovare la propria natura originaria nel Sé.
Questa scoperta di Sé, in verità, non è ottenibile in alcuna forma ma è solo un “riconoscimento”… Per aiutare questa “ricerca”  ho sviluppato un metodo di auto indagine, che parte dalla conoscenza delle propensioni innate manifestate nella propria mente. La mente personale è in realtà una sorta di immagine speculare, non realmente esistente, ma dobbiamo partire da questa se vogliamo scoprire il reale “soggetto”.
Quest’anno il tema della Festa dei Precursori è "il tramando", la trasmissione delle conoscenze acquisite. Ed anch'io avrei qualcosa da tramandare:  l'apprendimento degli archetipi primordiali che contraddistinguono i vari modi espressivi della psiche umana. Una ricerca compiuta in parecchi anni di studio e di analisi comparate. Un insieme di conoscenze e intuizioni  connesse all'antica scienza archetipale e filosofica cinese integrate dal sistema elementale indiano.  
Ne parlerò un po' durante gli incontri che si terranno il 25 ed il 26 aprile 2015 a Treia, sperando di trovare ascoltatori interessati a ricevere questo messaggio. Che non potrà certamente venir trasmesso lì per lì ma potrà diventare un argomento di studio durante successivi incontri. 
Paolo D'Arpini

............................
Programma di massima della Festa dei Precursori 2015: 

Nessun commento:

Posta un commento