La memoria delle cellule "separate" dal corpo



"Il fondamentale carburante del nostro corpo è il glucosio o zucchero del sangue, che è l'unico alimento del cervello e che quando usato nel cervello serve a produrre tutti i nostri  pensieri ed emozioni.

Le vere decisioni sono prese dall'intelligenza del corpo, che è invisibile e che si comporta come il coreografo che inventa ogni passo della danza ma che preferisce di non apparire.
Siccome le cellule del nostro corpo sono fatte da molecole che hanno trovato la loro collocazione perché il DNA le ha dirette li, possiamo dire che "psisiologia" ( ? ) è niet'altro che intelligenza al lavoro, e che ogni processo iniziato in ogni cellula è essenzialmente intelligenza che parla con se stessa.

Cleve Bachster ha scoperto che cellule prelevate dal nostro corpo e piazzate in un altro luogo reagiscono ugualmente agli stimoli che la persona crea. Questo straordinario esperimento sembra non essere influenzato dalla distanza delle cellule prelevate e la persona.

Il nostro cervello fa conoscere la sua intelligenza formando parole e concetti e producendo molecole che trasportano messaggi.

Tutte queste operazioni avvengono al livello quantum dove la linea di demarcazione tra l'astratto e il concreto si confondono.


Alla sorgente dell'intelligenza c'è pochissima differenza tra pensieri e molecole."

(Deepak Chopra rivisitato da Roberto Anastagi)

Nessun commento:

Posta un commento