Una collezione di massime di Georges Ivanovič Gurdjieff


Georges Ivanovič Gurdjieff

Ante Scriptum

Sto leggendo per la seconda volta l'imperdibile diario di Gurdjieff denominato "Incontri con uomini straordinari"... Veramente istruttivo ed eccezionale! Debbo dire che non a caso spessissimo questo autore è stato menzionato da Osho come un "maestro" del nostro tempo.
(P.D'A.)

Qui sotto trovate una collezione di sue massime:


Da uno scritto di Gurdjieff appeso alle pareti della Study House nel castello della Prieuré ad Avon:

1. Ama quel che a "ciò" non piace
2. La più grande conquista per un uomo è quella di essere capace di fare
3. Più sono difficili le condizioni di vita, più sono buoni i risultati del lavoro, sempre ammesso che ti ricordi il lavoro
4. Ricorda te stesso sempre e ovunque
5. Ricordati che sei venuto qui perché hai capito la necessità di lottare contro te stesso - soltanto contro te stesso.
Sii grato dunque a tutti coloro che te ne forniscono l'occasione
6. Qui noi possiamo soltanto dare una direzione e creare alcune condizioni, ma non aiutare
7. Sappi che questa casa può essere utile solo a coloro che hanno riconosciuto la propria nullità e credono nella possibilità di cambiare
8. Se già sai che è male, e lo fai ugualmente, commetti un peccato cui è difficile rimediare
9. Il sistema migliore per essere felici in questa vita consiste nella capacità di considerare esteriormente sempre, e
interiormente mai
10. Non apprezzare l'arte col sentimento
11. Il vero indizio di un uomo buono è che ama suo padre e sua madre
12. Giudica gli altri in base a te stesso, e raramente ti sbaglierai
13. Aiuta soltanto chi non è ozioso
14. Rispetta ogni religione
15. Io amo chi ama il lavoro
16. Noi possiamo soltanto sforzarci di diventare capaci di essere cristiani
17. Non giudicare un uomo dalle parole altrui
18. Tieni conto di ciò che la gente pensa di te, e non di ciò che dice
19. Prendi la comprensione dell'Oriente e la scienza dell'Occidente, e poi cerca
20. Soltanto chi può vegliare sul bene degli altri meriterà il proprio bene
21. Solo la sofferenza cosciente ha significato
22. E' meglio essere temporaneamente egoista che non essere mai giusto
23. Se vuoi imparare ad amare, comincia con gli animali, perché sono più sensibili
24. Insegnando agli altri, imparerai tu stesso
25. Tieni presente che qui il lavoro non è fine a se stesso, ma è solo un mezzo
26. Può essere giusto soltanto colui che sa mettersi al posto degli altri
27. Se non sei dotato di uno spirito critico, la tua presenza qui è inutile
28. Chi si è liberato dalla malattia del "domani", ha qualche speranza di trovare ciò che è venuto a cercare qui
29. Beato colui che ha un'anima. Beato chi non l'ha. Ma sventura e dolore per chi ne ha solo l'embrione
30. Il riposo non dipende dalla quantità, ma dalla qualità del sonno
31. Dormi poco senza rimpianti
32. L'energia spesa nel lavoro interiore attivo si traforma immediatamente in una nuova riserva, ma quella spesa nel lavoro passivo è perduta per sempre
33. Uno dei mezzi migliori per risvegliare il desiderio di lavorare su di sé è quello di rendersi conto che si può morire da un momento all'altro. Ma bisogna imparare a non dimenticarselo
34. L'amore cosciente risveglia l'amore cosciente. L'amore emozionale evoca l'opposto. L'amore fisico dipende dal tipo e dalla polarità
35. La fede cosciente è libertà. La fede emozionale è schiavitù. La fede meccanica è stupidità
36. La speranza incrollabile è forza. La speranza piena di dubbi è vigliaccheria. La speranza piena di paura è debolezza
37. All'uomo è concesso un numero limitato di esperienze : risparmiandole, l'uomo si prolunga la vita
38. Qui non ci sono né russi, né inglesi, né ebrei, né cristiani, ma soltanto uomini che perseguono un solo scopo: diventare capaci di essere

Nessun commento:

Posta un commento