Prepuzio di Gesù - Considerazioni aggiunte di Massimo Sega




Considerazioni aggiunte agli articoli: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/search?q=prepuzio+di+ges%C3%B9

Caro Paolo D'Arpini, mi diverte il fatto che ci sia tanta gente interessata all'ipotizzato prepuzio di un bambino che sarebbe nato 2020 anni fa. Ma quello che più mi diverte, e' che un SACRO prepuzio, sia stato conservato in una chiesa di campagna, in Calcata, sia pure con la motivazione del caso, cioè perché portato lì da un lanzichenecco. Se ne riparla oggi dopo circa trenta anni dalla sua scomparsa e se ne parla con riferimento ad un'ipotesi di satanismo. Ora mi domando:

1) se si fosse trattato di satanismo, è possibile che dopo trenta anni una simile notizia non sarebbe uscita fuori ?

2) non sarebbe più semplice e naturale pensare ad un furto in relazione alla preziosità della scatola in cui era custodito o ad un'appropriazione di un qualche isterico fedele ? 

3) si può totalmente escludere l.a possibilità che detto  prepuzio e relativa scatole, per un errore, in occasione di una qualche pulizia pasquale, sia finito nell'immondizia ? 

Infine ti domando, si può definire santo il prepuzio di un bambino che poi da grande disse:
1) In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; non sono venuto a portare pace, ma una spada. Sono venuto infatti a separare "il figlio dal padre, la figlia dalla madre, la nuora dalla suocera: e i nemici dell'uomo saranno quelli della sua casa". 
Chi ama il padre o la madre più di me non è degno di me; chi ama il figlio o la figlia più di me non è degno di me; chi non prende la sua croce e non mi segue, non è degno di me. Chi avrà trovato la sua vita, la perderà: e chi avrà perduto la sua vita per causa mia, la troverà. 
2) Ecco quanto risulta dalla Bibbia che Cristo abbia detto: E SE QUALCUNO NON VI RICEVE, NE' ASCOLTA LE VOSTRE PAROLE, USCENDO DA QUELLA CASA O DA QUELLA CITTA', SCOTETE LA POLVERE DAI VOSTRI PIEDI. IN VERITA' VI DICO: NEL GIORNO DEL GIUDIZIO IL PAESE DI SADOMA E GOMORRA SARA' TRATTATO MENO SEVERAMENTE DI QUELLA CITTA'. 

Riporto qui di seguito quanto ho letto su internet
Saluti
Massimo  Sega   

Possesso del Santo Prepuzio [modifica]

A seconda della fonte, durante il Medioevo, esistevano otto, dodici, quattordici, o addirittura diciotto diversi Santi Prepuzi, posseduti in varie città europee.[1]
Originariamente si riteneva che la reliquia fosse stata consegnata a papa Leone III il 25 dicembre 800 da Carlo Magno, in occasione della sua incoronazione. L'imperatore l'avrebbe a sua volta ricevuta da un angelo mentre pregava presso il santo Sepolcro. Secondo un'altra versione, invece, il prepuzio sarebbe un dono di Irene di Bisanzio, ricevuto da Carlo Magno in occasione delle nozze. Leone III lo collocò nel Sancta sanctorum della Basilica di San Giovanni in Laterano a Roma, assieme alle altre reliquie.[2]
Veduta di Calcata.
In aggiunta a Roma, hanno rivendicato il possesso del Santo Prepuzio anche le città diSantiago di CompostelaCoulombs nella diocesi di Chartres (Francia), Chartres stessa, le chiese di BesançonMetzHildesheim, CharrouxConquesLangresAnversaFécampPuy-en-VelayCalcataAuvergne.[1]
Secondo le leggende del villaggio di Calcata (comune in provincia di Viterbo), nel 1527 vi fu catturato un soldato dell'esercito lanzichenecco che aveva preso parte al sacco di Roma, riuscendo a depredare il Sancta sanctorum di San Giovanni in Laterano. Imprigionato nel paese, nascose il reliquiario contenente il Santo Prepuzio nella cella, dove sarebbe stato scoperto nel1557. Da allora la Chiesa iniziò a venerare la reliquia, concedendo ai pellegrini un'indulgenza di dieci anni.[2]
L'abbazia di Charroux sosteneva che il Santo Prepuzio fosse stato donato ai monaci da Carlo Magno. Nei primi anni del XII secolo fu portato in processione fino a Roma, perché Innocenzo III ne verificasse l'autenticità, ma il Papa rifiutò l'opportunità. A un certo momento, comunque, la reliquia andò perduta, per ricomparire solo nel 1856, quando un operaio che lavorava nell'abbazia dichiarò di aver trovato il reliquiario nascosto nello spessore di un muro. La riscoperta portò a uno scontro teologico con il Prepuzio ufficiale di Calcata, che era venerato ufficialmente dalla Chiesa da centinaia di anni.Nel 1900 la Chiesa risolse il dilemma vietando a chiunque di scrivere o parlare del Santo Prepuzio, pena la scomunica (Decreto no. 37 del 3 febbraio 1900). Nel 1954, dopo lungo dibattito, la punizione fu inasprita fino al vitandi (persona da evitare), il grado più grave della scomunica; successivamente, il Concilio Vaticano IIrimosse dal calendario liturgico la festa della Circoncisione di Cristo.[3]
Uno dei più famosi prepuzi era quello conservato dal 1100 in poi ad Anversa. La reliquia era stata venduta al re Baldovino I di Gerusalemme nelle terre di Palestina nel corso della prima crociata. Prepuzio famoso e miracoloso poiché il vescovo di Cambrai, durante una messa, ne vide uscire tre gocce di sangue che macchiarono i lini dell'altare. In onore di questo pezzetto di pelle, nonché della tovaglia macchiata, fu subito edificata una cappella e si indissero periodiche processioni; il prepuzio ritenuto miracoloso fu oggetto di culto e meta di pellegrinaggi.[4] Nel 1426 venne fondata ad Anversa la "van der heiliger Besnidenissen ons liefs Heeren Jhesu Cristi in onser liever Vrouwen Kercke t'Antwerpen"[5].
Durante i suoi momenti estaticiCaterina da Siena sosteneva di portarlo al dito come anello di fidanzamento mistico con Cristo.[6]

Pratiche moderne [modifica]

La maggior parte dei Santi Prepuzi è andata persa o distrutta durante la riforma protestante e la rivoluzione francese.[3]
Quello di Calcata è degno di menzione perché il reliquiario che lo conteneva è stato portato in processione anche nel XX secolo (nel1983) durante la Festa della Circoncisione, precedentemente celebrata dalla Chiesa cattolica in tutto il mondo il 1º gennaio di ogni anno. La tradizione ebbe fine quando alcuni ladri rubarono il contenitore ricoperto di gioielli e le reliquie in esso contenute.[3] A seguito del furto non è chiaro se qualcuno dei presunti Santi Prepuzi esista ancora. In un documentario del 1997 della televisione britannicaChannel 4, il giornalista Miles Kington andò in Italia alla ricerca del Santo Prepuzio, ma non ne trovò traccia.[7]

Nessun commento:

Posta un commento