In memoria dell’omicidio degli innocenti Sacco e Vanzetti

USA. Il 23 di agosto 1927 fu perpetrato l’ignobile assassinio dei due anarchici italiani, iniquamente mandati a morire sulla sedia elettrica, nonostante fosse evidente la loro più totale estraneità alle accuse imputategli.
La vera motivazione della condanna a morte, era che il governo degli Stati Uniti voleva assecondare la sete di vendetta contro i delitti delle varie mafie italo-americane, che in quel momento attiravano l’odio razziale contro i nostri connazionali, i quali, comunque non venivano certo accolti in mezzo al mare né tantomeno alloggiati in alberghi a cinque stelle, ma il più delle volte vessati e sottopagati. Nessuno ricorda quasi mai, che l’unico a portare avanti passi ufficiali per salvare la vita ai nostri connazionali, fu solamente il capo del governo italiano, Benito Mussolini.
Ed ancora c’è qualcuno, in questa disgraziata ‘espressione geografica’, che pretende che noi si debba prendere lezioni di democrazia nonché di diritti umani, da coloro che hanno mandato ad una morte atroce due innocenti, non tanto perché anarchici, ma soprattutto perché erano ITALIANI, per distogliere l’attenzione dai delitti dei veri delinquenti (che prosperavano e crapulavano con i traffici legati agli alcolici durante il proibizionismo).
G. Bonconte Montefeltro – montefeltro@hotmail.it
Video  sull’enigma Sacco e Vanzetti:
https://www.youtube.com/watch?v=Rtap26G0yw4

1 commento:

  1. Eccellentissimo articolo che posto a razzo. Grazie

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.