Culture tritate ...nel trogolo mondialista finale

Foto di Gustavo Piccinini


Da tempo immemorabile esistono collettività naturali nominate popoli e da solo qualche centinaio di anni altre più artificiali chiamate nazioni. Hanno, le prime, consistenza anche nell'ambito della psicologia di massa. 

Non è il bar che le forma, bensì la storia. 

Spesso, paradossalmente, risultano meno ipotetiche degli stessi individui che le compongono, tanto più oggi e nel primo mondo, dove questi ultimi sono sempre più atomi indistinguibili, vuoti a perdere catodici. 

Le diverse caratteristiche, peraltro, contribuiscono alla varietà e bellezza dell'universo, prima ancora che alle contrapposizioni, ai razzismi, alle guerre. Ed è sicuramente vero che scopo del capitalismo del crepuscolo, spettacolar-spettrale, compiutamente internazionalista, autenticamente trotskista, "globale", è di forgiare un tipo (post)"umano" standard, uniforme-conforme, astratto-concreto, quantum di capitale omologo a milioni di altri e al contempo fonte "personale" (essendo tutte le derive fantasmatiche e de-reali permesse e anzi sollecitate dall'alto) di energia infinita della magamacchina. 

E' il vecchio sogno-incubo totalitario della creazione dell'"uomo nuovo" a telecomando, che solo la "democrazia" all'ultimo stadio può portare a compimento. 

I "luoghi comuni" sulle differenti qualità dei popoli parlano spesso di qualcosa di ancora vero e palpitante - proprio perciò li si esorcizza con la loro stessa definizione. Caratteristiche collettive, frutto di millenni, e niente affatto solo negative o mediocri, che informano in diversa misura gli individui stessi. Gli altri, i cloni, dicono con scherno che tutto è  stato dissolto e "superato" nel trogolo mondialista finale. 

In un mondo illusorio cosa conta un'illusione in più?

Joe Fallisi

...................


"Ci sono solo due modi per evitare un mondo di dieci miliardi di persone. O i tassi di natalità adesso scendono velocemente, oppure debbono salire i tassi di mortalità. Non c’è altro modo. Ci sono, ovviamente, tanti modi per far salire i tassi di mortalità. Nell’epoca termonucleare si può fare in maniera molto veloce e decisiva." - Robert McNamara - Presidente della Banca Mondiale, 2 ottobre 1979

Nessun commento:

Posta un commento