Vivere a contatto con la natura... in Africa!



Come sai noi viviamo in Africa e io ho girato un bel po' questo continente con e senza il mio camper.

Il rapporto con gli animali, nell'Africa sub sahariana è completamente diverso da quello che succede in quasi tutto il resto del nostro pianeta.

La maggior parte dei sud africani i bianchi vanno almeno due volte l'anno in uno dei numerosissimi parchi nazionali dei paesi del sud dell'Africa, sopratutto nel Krugher park che è un enorme regno di tutti gli animali selvatici,  per immergersi nella straordinaria natura africana di cui la cosa più importante sono proprio gli animali e così fin da bambini imparano a rispettare e a conoscere tutti gli animali.

Io non so in quanti parchi sono stato nei vari paesi africani e confesso che oramai mi interessano molto meno anche perché i disagi per arrivarci sono diventati alla mia età un po' troppo pesanti.

Non credo di esagerare dicendo che per tutti gli africani, ma sopratutto per i bianchi, gli animali selvatici sono la cosa che amano di più.

Dalla nostra veranda che affaccia su di una piccola valle si vedono tutti i giorni animali selvaggi non pericolosi e quando amici vengono a trovarci la prima cosa che fanno vanno a guardare gli animali che ci sono nella vallata.

Il primo anno che abbiamo abitato qui a Stillbay eravamo in una casa costruita in una piccola riserva di animali selvatici che è tutta recintata ed eravamo costantemente contornati da un gran numero di quadrupedi, uccelli e anche qualche serpente molto velenoso.

Io ti confesso che essendo un europeo, senza alcun dubbio preferisco l'appartamento dove abitiamo adesso e guardare lo straordinario paesaggio che abbiamo da tutti i lati composto dall'oceano indiano, dal fiume goukoj e tutto il resto che è natura incontaminata.

Ti racconto tutto questo nella speranza di farti capire che in Africa il rapporto con la natura è completamente diverso da quello che si ha in Europa.

La cosa più significativa è che sicuramente qui i bambini non hanno certo paura se vedono un topolino come purtroppo accade ai bambini europei che oramai non hanno più nessuna esperienza di animali di qualsiasi tipo salvo quelli domestici.

Hanno paura perfino di quelli che ci sono nelle campagne europee salvo per quelli  rinchiusi in una azienda agricola.

Roberto Anastagi 


1 commento:

  1. Ciao Roberto, che bello!
    Che voglia di girare il mondo! Mi mandi qualche foto di dove sei tu? A 57 anni mi sta venendo una voglia matta di vedere qualcosa di diverso da Udine, tipo l'oceano indiano e il goukoj. Ho amici che son tornati in Sud Africa dopo esserne emigrati; mi fa un pò paura l'appartheit..... grazie per le foto
    Antonio Miclavez, antomicla@me.com

    RispondiElimina