Nuove Religioni: "...e così qualcuno s'inventò l'esistenza di Saul/Paolo"


Ante scriptum

Pensavo di aver avuto una pensata originale inventandomi l'esistenza di un ipotetico Saul/Paolo... così infatti scrivevo nel blog di Saul Arpino in apertura: 


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.

Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…

Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io  "Saul Arpino". Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… 
ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino


Purtroppo qualcuno mi aveva preceduto nell'invenzione di Saul... sono stati i "padri" della chiesa.....

Paolo di Tarso, un super apostolo inventato. Ecco le prove fornite da Emilio Salsi   (su invio di Marcus Prometheus)


I Parte: sintesi

San Paolo, come san Pietro, nei sacri testi cristiani vengono descritti dotati di poteri divini miracolistici straordinari e, nel caso di Paolo, addirittura superiori a Gesù. Risuscitava anch'egli i morti (At 20,9-10), guariva gli storpi (At 14,8-10) e chiunque affetto da ogni male, pur senza essere presente di persona, con una sorta di "tele-miracolo" in grazia di un brevetto esclusivo rilasciato per volontà divina:

"Dio intanto operava prodigi non comuni per opera di Paolo, al punto che si mettevano sopra i malati fazzoletti o grembiuli che erano stati a contatto con lui, le malattie cessavano e gli spiriti maligni fuggivano" (At 19,11-12).

 
Sono personaggi di cui si narra esclusivamente nei Vangeli o negli scritti apologisti dei Padri fondatori del Cristianesimo; cioé una dottrina creata per fare adepti grazie all'illusione della vita eterna ed alla resurrezione del proprio corpo dopo la morte.

La domanda da porsi è se san Saulo Paolo sia esistito veramente, oppure, come per gli altri Apostoli, verificare se questi personaggi non siano piuttosto rappresentanti ideologici di una dottrina che, obbligatoriamente, doveva essere "incarnata" in uomini prescelti e ispirati da Dio.

Un non credente, che si accinge a leggere di questo san Saulo Paolo, senza essere condizionato da prediche confessionali, percepisce subito che la trovata “geniale”, di san Luca, intesa a far creare un altro Apostolo dallo stesso Gesù Cristo “post mortem”, è un contro senso assurdo, sia storicamente, come intendiamo dimostrare, sia teologicamente, in quanto palesemente finalizzata a revisionare una dottrina precedente.Un Dio, per riscattare l’umanità dal peccato, si fa uomo e come tale si sottopone ad una passione di sangue ed estrema sofferenza. Dopo aver predicato, istruito e scelto dodici “Apostoli” con un preciso mandato, una volta risalito in cielo, si accorge di aver dimenticato “qualcosa d’importante”, allora scaraventa una folgore (a imitazione di Giove) su un certo Saulo Paolo, accecandolo e, a “Voce”, nomina un altro Apostolo con l'incarico di “aggiornare la dottrina degli altri suoi colleghi che Lui stesso aveva appena istruiti: è una logica che può stare in piedi solo previo millenario lavaggio del cervello.
Nominati i dodici Apostoli ...

“Gesù li inviò dopo averli così istruiti: «non andate fra i pagani e non entrate nelle città dei Samaritani, rivolgetevi, piuttosto, alle pecore perdute della casa d'Israele»” (Mt 10,5-6).
Questo “comandamento” nazionalista, conforme alla missione di Gesù limitata alla sua Patria (nulla avrebbe potuto impedire a Cristo di predicare ovunque volesse), andava cambiato.

Ma la modifica di una dottrina non poteva risultare dipesa da una esigenza umana, pertanto bisognava “dimostrare” che fu la stessa Divinità a manifestarsi attraverso un altro “Apostolo”, superiore agli altri, strumento della Sua Rivelazione e depositario della nuova “Verità” da divulgare fra i Gentili pagani.

Fu semplicissimo: bastò inventare “Saulo Paolo” e fargli scrivere alcune lettere per testimoniare sulla sua esistenza e il nuovo credo, aggiornato, del “sacrificio del Figlio di Dio risorto per la salvezza della vita eterna degli uomini”, dimostrando, così, che l'ultimo Apostolo, mai visto prima, era esistito veramente.


(Paolo D'Arpini)

1 commento:

  1. Potrebbe anche essere che le cose stiano come hai detto. Ormai oggi, come diceva Gaber in una sua canzone, tutto è vero e tutto è falso. Oggi siamo pieni di scritti, nero su bianco e virtuali, e tutti possono essere falsi o veri. L'unica verità, quindi, è quella della coscienza.

    RispondiElimina